IL VANGELO DEL GIORNO XVI DOMENICA E SETTIMANA DEL TEMPO ORDINARIO ANNO C
Inserisci sottotitolo qui

Erano assidui nell'ascoltare l'insegnamento degli apostoli, nell'unione fraterna, nella frazione del pane e nelle preghiere (Atti 2,42)

iosonolalucedelmondo.it/vangelo-del-giorno-xvi-domenica-e-settimana-del-tempo-ordinario-anno-c/
IL VANGELO NEL 21° SECOLO

Sabato della XVI settimana del Tempo Ordinario Anno c

Il Tralcio e la Vite

Dal Vangelo secondo Giovanni (Gv 15,1-8)

Io sono la vite vera e il Padre mio è l'agricoltore.

*** 

TESTO:-
Dal Vangelo secondo Giovanni (Gv 15,1-8)
In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
«Io sono la vite vera e il Padre mio è l'agricoltore. Ogni tralcio che in me non porta frutto, lo taglia, e ogni tralcio che porta frutto, lo pota perché porti più frutto. Voi siete già puri, a causa della parola che vi ho annunciato.
Rimanete in me e io in voi. Come il tralcio non può portare frutto da se stesso se non rimane nella vite, così neanche voi se non rimanete in me. Io sono la vite, voi i tralci. Chi rimane in me, e io in lui, porta molto frutto, perché senza di me non potete far nulla. Chi non rimane in me viene gettato via come il tralcio e secca; poi lo raccolgono, lo gettano nel fuoco e lo bruciano.
Se rimanete in me e le mie parole rimangono in voi, chiedete quello che volete e vi sarà fatto. In questo è glorificato il Padre mio: che portiate molto frutto e diventiate miei discepoli». Parola del Signore.

RIFLESSIONI

In questo brano Gesù scongiura i suoi amici di rimanere in lui, nel suo amore, per portare molto frutto e per godere la gioia in pienezza. L'espressione dominante di questo testo è "rimanere in", che ricorre sette volte.
Gesù si presenta come la vite della verità: in questo modo afferma di essere il Cristo, il profeta definitivo atteso dagli ebrei e la fonte della rivelazione piena e perfetta.
Nell'Antico Testamento la vite ha simboleggiato il popolo d'Israele.
Il salmo 80 canta la storia del popolo di Dio utilizzando l'immagine della vite che Dio ha divelto dall'Egitto per trapiantarla in Palestina, dopo averle preparato il terreno.
La presentazione del Padre, come l'agricoltore che coltiva la vite identificata con Gesù, richiama il canto d'amore di Isaia 5,1-7 nel quale il Signore è descritto come il vignaiolo che cura la casa d'Israele.
La vite-Gesù produce numerosi tralci; non tutti però danno frutto. Il portare frutto dipende dal rapporto personale del discepolo con Gesù, dall'unione intima con il Cristo. L'opera purificatrice di Dio nei discepoli di Gesù ha come scopo una fecondità maggiore.
Dio purifica i discepoli dal male e dal peccato per mezzo della parola di Gesù. Per Giovanni la purificazione è legata alla parola di Cristo, cioè all'adesione, per mezzo della fede, alla sua rivelazione.
Gesù parla della mutua immanenza tra lui e i suoi amici. Nel passo finale del discorso di Cafarnao, egli aveva fatto dipendere questa comunione perfetta tra lui e i suoi discepoli dal mangiare la sua carne e dal bere il suo sangue (Gv 6,56). La finalità della comunione intima con Gesù, il frutto che ogni tralcio deve portare è la salvezza.
L'uomo separato da Cristo, che è la fonte della vita, si trova nell'incapacità di vivere e operare nella vita divina. Senza l'azione dello Spirito Santo è impossibile entrare nel regno di Dio (Gv 3,5); senza l'attrazione del Padre, nessuno può andare verso il Cristo e credere in lui (Gv 6,44.65).
Come il mondo incredulo si trova nell'incapacità totale di credere (Gv 12,39) e di ricevere la Spirito della verità (Gv 14,17), così i discepoli, se non rimangono uniti al Cristo, non possono operare nulla
sul piano della fede e della grazia.
Chi non rimane in Cristo, vite della verità, non solo è sterile, ma subirà la condanna del giudizio finale.
Una conseguenza benefica del rimanere in Gesù è l'esaudimento delle preghiere dei discepoli da parte del Padre. L'unione intima e profonda con Gesù rende molto fecondi nella vita di fede e capaci di glorificare Dio Padre.

iosonolalucedelmondo.it/vangelo-del-giorno-xvi-domenica-e-settimana-del-tempo-ordinario-anno-c/
IL VANGELO NEL 21° SECOLO

 Venerdì della XVI settimana del Tempo Ordinario Anno c

22 Luglio Santa Maria Maddalena
Raccontaci, Maria: che hai visto sulla via?

La tomba del Cristo vivente, la gloria del Cristo risorto.
***

 

TESTO:-
Dal Vangelo secondo Giovanni (Gv 20,1-2.11-18)
Il primo giorno della settimana, Maria di Màgdala si recò al sepolcro di mattino, quando era ancora buio, e vide che la pietra era stata tolta dal sepolcro. Corse allora e andò da Simon Pietro e dall'altro discepolo, quello che Gesù amava, e disse loro: «Hanno portato via il Signore dal sepolcro e non sappiamo dove l'hanno posto!».
Maria stava all'esterno, vicino al sepolcro, e piangeva. Mentre piangeva, si chinò verso il sepolcro e vide due angeli in bianche vesti, seduti l'uno dalla parte del capo e l'altro dei piedi, dove era stato posto il corpo di Gesù. Ed essi le dissero: «Donna, perché piangi?». Rispose loro: «Hanno portato via il mio Signore e non so dove l'hanno posto».
Detto questo, si voltò indietro e vide Gesù, in piedi; ma non sapeva che fosse Gesù. Le disse Gesù: «Donna, perché piangi? Chi cerchi?». Ella, pensando che fosse il custode del giardino, gli disse: «Signore, se l'hai portato via tu, dimmi dove l'hai posto e io andrò a prenderlo». Gesù le disse: «Maria!». Ella si voltò e gli disse in ebraico: «Rabbunì!» - che significa: «Maestro!». Gesù le disse: «Non mi trattenere, perché non sono ancora salito al Padre; ma va' dai miei fratelli e di' loro: "Salgo al Padre mio e Padre vostro, Dio mio e Dio vostro"».
Maria di Màgdala andò ad annunciare ai discepoli: «Ho visto il Signore!» e ciò che le aveva detto. Parola del Signore.

RIFLESSIONI

Questa ricorrenza è molto significativa per i cristiani, ognuno si può confrontare con Santa Maria Maddalena per capire che si possono compiere grandi opere buone quando si incontra veramente il Signore Gesù e si mette al centro di tutto.

Tutto è possibile insieme a Lui, ogni aspetto della vita può prendere la direzione giusta e la gloria viene data così solamente a Dio.

Il mondo invece glorifica l'amor proprio, ad esso applica una visione prettamente umana che innalza il puro piacere come fine dell'esistenza, sforzandosi di eliminare tutto ciò che ha attinenza con Dio. Il soprannaturale viene visto come un problema per la libertà di azione, ma Dio non obbliga nessuno e lascia liberi.

Questa libertà intesa come valore per la libera scelta della persona, viene usata in modo sbagliato, infatti molte persone si allontanano da Dio e scelgono uno i vizi come idoli e ad essi riversano un'adorazione incondizionata.

Lo stesso faceva la giovane Maria Maddalena, Ella è la prostituta convertita del Vangelo, la libertina sorella di Lazzaro e di Marta, la pubblica peccatrice che scandalizzava la popolazione per la sua immoralità ed indecenza.

La stessa persona è venerata come Santa dalla Chiesa e vediamo di conoscere meglio il passaggio tra i due opposti. Cito il Vangelo.

"Le sono perdonati i suoi molti peccati, poiché ha molto amato" (Lc 7,47).

S'intende che ha molto amato Gesù, un purissimo amore che ha cancellato tutti i suoi indecenti peccati. Tanto è capace di compiere l'amore e quando si attua la vera conversione si rimane meravigliati nel percepire una pace intensa, una gioia interiore presente anche quando si soffre.

È la vicinanza di Gesù a trasmetterci l'Amore Divino, quell'Amore soprannaturale che l'umanità non può conoscere se rimane avvinta all'amor proprio, anzi ne è schiava e cerca ogni mezzo per soddisfare gli istinti.

Questa considerazione poteva esprimerla Oscar Wilde, che scriveva: "Amare se stessi è l'inizio di un idillio che dura tutta la vita".

Non è la visione soprannaturale trasmessaci da Gesù nel Vangelo e che i Santi hanno vissuto con grande gioia e l'hanno testimoniata nella loro vita. Anche Santa Maria Maddalena dopo l'incredibile conversione visse sempre nella Luce di Dio.

"Risuscitato al mattino nel primo giorno dopo il sabato, apparve prima a Maria di Màgdala, dalla quale aveva cacciato sette demoni" (Mc 16,9).

Prima ancora di apparire agli Apostoli, Gesù appare a Maria Maddalena e le trasmette la gioia della sua Risurrezione, la invita ad avvisare gli undici barricati nel Cenacolo e li chiama fratelli. Gesù conosce la profondità dell'essere umano e comprende la debolezza degli undici. "Và dai miei fratelli e dì loro...".

Gesù apparve a Maria Maddalena perché ella era riuscita ad adorare il Signore rinnegandosi pienamente. Questa è la vera prova dell'amore.

Non è vero amore quando si vogliono armonizzare l'amore a Dio e l'adorazione dei vizi!

Nella Santa di oggi troviamo quei passaggi indispensabili per mettere al primo posto Gesù, continuando a vivere la vita ordinaria ma in modo straordinario. Questo è sempre possibile se l'intenzione è pura e si ricerca sinceramente e senza falsità, la gloria di Dio.

Questo ha compiuto Santa Maddalena e le lacrime effuse quando cercava inconsolabilmente Gesù morto, testimoniano la sua Fede.

"Hanno portato via il Signore dal sepolcro e non sappiamo dove l'hanno posto!".

La Santa è forse tra i comuni mortali la testimone principale dell'Amore di Dio, capace di trasformare una prostituta in una grande Santa.

Quando Ella rientrò in sé e comprese l'abisso in cui era finita, lavorò interiormente e riuscì a cambiare vita, mortificando l'amor proprio.

"L'amor proprio è il debole di tutti gli esseri umani". (Santa Teresina di Lisieux)

"È necessario che abbiamo due risoluzioni uguali: vedere le erbe cattive che crescono nel nostro giardino ed avere il coraggio di volerle strappare; infatti il nostro amor proprio, che è ciò che produce queste impertinenze, non morirà fino a che vivremo". (San Francesco di Sales)

Questo pensano i Santi dell'amor proprio, una debolezza che ogni persona si ritrova dentro e che può mortificare fino a raggiungere il controllo, ma non si potrà mai eliminare definitivamente questa debolezza. Si potrà mettere sotto controllo per non farla vincere più.

Tutti i Santi hanno lottato ottenendo risultati meravigliosi, ognuno di noi può mortificare e dominare l'amor proprio!

iosonolalucedelmondo.it/vangelo-del-giorno-xvi-domenica-e-settimana-del-tempo-ordinario-anno-c/
IL VANGELO NEL 21° SECOLO

Giovedì della XVI settimana del Tempo Ordinario Anno c
Beati i vostri occhi perché vedono e i vostri orecchi perché ascoltano.
molti giusti hanno desiderato vedere ciò che voi vedete, ma non lo videro. 
Dal Vangelo secondo Matteo (Mt 13,10-17)Dal Vangelo secondo Matteo (Mt 13,10-17)
***

TESTO
Dal Vangelo secondo Matteo (Mt 13,10-17)
In quel tempo, i discepoli si avvicinarono a Gesù e gli dissero: «Perché a loro parli con parabole?».
Egli rispose loro: «Perché a voi è dato conoscere i misteri del regno dei cieli, ma a loro non è dato. Infatti a colui che ha, verrà dato e sarà nell'abbondanza; ma a colui che non ha, sarà tolto anche quello che ha. Per questo a loro parlo con parabole: perché guardando non vedono, udendo non ascoltano e non comprendono.
Così si compie per loro la profezia di Isaìa che dice:
"Udrete, sì, ma non comprenderete,
guarderete, sì, ma non vedrete.
Perché il cuore di questo popolo è diventato insensibile,
sono diventati duri di orecchi
e hanno chiuso gli occhi,
perché non vedano con gli occhi,
non ascoltino con gli orecchi
e non comprendano con il cuore
e non si convertano e io li guarisca!".
Beati invece i vostri occhi perché vedono e i vostri orecchi perché ascoltano. In verità io vi dico: molti profeti e molti giusti hanno desiderato vedere ciò che voi guardate, ma non lo videro, e ascoltare ciò che voi ascoltate, ma non lo ascoltarono!». Parola del Signore.

RIFLESSIONI

Gesù parla in parabole, un linguaggio semplice ed enigmatico nello stesso tempo, perché non intende costringere nessuno, ma responsabilizzare le libertà.
Gesù viene a rivelare il mistero di Dio e Dio è necessariamente sorprendente, poiché è "Altro" da noi e così può avvenire che lo si aspetti all'interno di uno spettacolo grandioso e impressionante. Invece Gesù, che è il Figlio, la sua immagine perfetta, appare in forma umiliata, come un seme, nascosto sotto terra. Siccome, però, è seme, porta in sé la forza della vita.
Ora, Gesù ha trovato occhi che si chiudevano per non vedere e cuori che resistevano per non essere risanati. I misteri di Dio non attraggono coloro che chiedono soltanto buoni vantaggi terreni.
Questo spiega quella frase così ostica alle orecchie di tanti ascoltatori di oggi: "A chi ha sarà dato e sarà nell'abbondanza e a chi non ha sarà tolto anche quello che ha". "Avere" o "non avere" non si riferiscono qui alle cose: non è questione di possesso o di povertà. Piuttosto è l'autodecisione della persona ad essere chiamata in questione. Chi "ha" apertura di cuore, avrà altro dono (al possesso dell'antica alleanza si aggiungerà la ricchezza della nuova); chi "non ha" questo cuore aperto alla trascendente sorpresa di Dio - (non è possibile che questo povero Gesù sia "Dio con noi"!) - perderà tutto.
Oggi, come allora, se le nostre libertà si difendono da Dio - non gli permettono di essere diverso da noi, non gli concedono che i suoi misteri siano più alti dei nostri pensieri -, egli non le viola; se si aprono a lui egli le invade.
Alla gratuità sovrabbondante della parola di Dio venuta in carne può realmente opporsi il rifiuto pregiudiziale dell'uomo che la vota alla nullità.

Beati invece i vostri occhi perché vedono
L'uomo è cieco e da cieco cammina nella storia. Non riesce neanche a vedere i grandi segni della potenza e onnipotenza di Dio, come possiamo sperare di pensare che possa vedere Dio in un uomo? La Scrittura antica chiama quest'uomo cieco "stolto per natura", cioè persona corrotta. Ha perso infatti l'uso degli occhi, della lingua, dell'udito, della stessa mente. Gli manca la scienza dell'argomentazione e della deduzione.
Davvero vani per natura tutti gli uomini che vivevano nell'ignoranza di Dio, e dai beni visibili non furono capaci di riconoscere colui che è, né, esaminandone le opere, riconobbero l'artefice. Ma o il fuoco o il vento o l'aria veloce, la volta stellata o l'acqua impetuosa o le luci del cielo essi considerarono come dèi, reggitori del mondo. Se, affascinati dalla loro bellezza, li hanno presi per dèi, pensino quanto è superiore il loro sovrano, perché li ha creati colui che è principio e autore della bellezza. Se sono colpiti da stupore per la loro potenza ed energia, pensino da ciò quanto è più potente colui che li ha formati. Difatti dalla grandezza e bellezza delle creature per analogia si contempla il loro autore. Tuttavia per costoro leggero è il rimprovero, perché essi facilmente s'ingannano cercando Dio e volendolo trovare. Vivendo in mezzo alle sue opere, ricercano con cura e si lasciano prendere dall'apparenza perché le cose viste sono belle. Neppure costoro però sono scusabili, perché, se sono riusciti a conoscere tanto da poter esplorare il mondo, come mai non ne hanno trovato più facilmente il sovrano? (Sap 13.1-9).
La grandezza di un uomo è quella di saper vedere Dio in ogni luogo nel quale Lui si dovesse manifestare. Possiede questa visione colui che è di cuore puro, retto, non contaminato. I puri di cuore infatti vedono sempre Dio. Lo vedono perché il loro intimo è cristallino e Dio da essi si lascia vedere. Gesù è venuto sulla nostra terra. Lui è il Verbo eterno del Padre, il suo Figlio Unigenito. Lui è vero Dio nella carne. La sua carne è tutta trasparente più che il vetro o il cristallo finissimo. Se vediamo un liquido colorato in un bicchiere, perché non riusciamo a vedere Dio nella carne del Verbo di Dio? Non lo vediamo perché siamo ciechi. Non lo sentiamo perché siamo sordi. Non lo percepiamo perché siamo senza tatto. Non ne sentiamo l'odore di santità perché abbiamo perso ogni tatto. Non parliamo di Lui perché ignoriamo la sua stessa esistenza. Questa è la nostra condizione spirituale.
Gesù proclama beati i suoi discepoli perché vedono e ascoltono il Verbo della vita. Loro vedono e ascoltano Dio che parla ed agisce attraverso la sua carne. Sono detti beati, anche se attualmente non comprendono. Poi verrà lo Spirito Santo, ricorderà loro ogni cosa. Li introdurrà nella pienezza della verità del mistero di Gesù Signore. Per essi si farà una grande luce e solo allora la beatitudine di Gesù si compirà per loro. Attualmente vedono come attraverso uno specchio molto opaco. Intravedono qualcosa. Ora sono come quel cieco che toccato da Gesù vede gli uomini, perché vede come alberi che camminano. Domani, toccati dallo Spirito Santo, vedranno Gesù nella completezza del suo mistero e della sua vita. La beatitudine sarà piena.
Vergine Maria, Madre della Redenzione, Angeli, Santi, aiutateci a vedere Gesù.

iosonolalucedelmondo.it/vangelo-del-giorno-xvi-domenica-e-settimana-del-tempo-ordinario-anno-c/

IL VANGELO NEL 21° SECOLO

Mercoledì della XVI settimana del Tempo Ordinario Anno c

Dal Vangelo secondo Matteo (Mt 13,1-9)
Il seminatore uscì a seminare. Parte cadde lungo la strada,
sul terreno sassoso, sui rovi, sul terreno buono.
***

TESTO:-
Dal Vangelo secondo Matteo (Mt 13,1-9)
Quel giorno Gesù uscì di casa e sedette in riva al mare. Si radunò attorno a lui tanta folla che egli salì su una barca e si mise a sedere, mentre tutta la folla stava sulla spiaggia.
Egli parlò loro di molte cose con parabole. E disse: «Ecco, il seminatore uscì a seminare. Mentre seminava, una parte cadde lungo la strada; vennero gli uccelli e la mangiarono. Un'altra parte cadde sul terreno sassoso, dove non c'era molta terra; germogliò subito, perché il terreno non era profondo, ma quando spuntò il sole, fu bruciata e, non avendo radici, seccò. Un'altra parte cadde sui rovi, e i rovi crebbero e la soffocarono. Un'altra parte cadde sul terreno buono e diede frutto: il cento, il sessanta, il trenta per uno. Chi ha orecchi, ascolti». Parola del Signore.

RIFLESSIONE

La divina Sapienza è uscita dalla sua casa: dal seno del Padre è venuta a dimorare fra noi. Venuta per nutrire l'uomo con la sua parola, raccoglie attorno a sé tanta folla. E la pagina del Vangelo narra precisamente il mistero dell'incontro fra la Sapienza di Dio e la persona umana. Ciò che la Sapienza comunica può essere paragonato solo ad un seme. La parola di Gesù è viva e chiede di piantarsi nel terreno della nostra esistenza, per fruttificare in opere buone: la Verità che è Gesù, chiede di divenire Verità intima alla nostra vita. Ma in questo punto si opera all'interno dell'umanità una quadruplice divisione: chi si chiude, chi è superficiale, chi non si decide per il Signore e chi, infine, accoglie in sé quella parola.

Siede Gesù, come fanno i rabbini. Siede perché sa insegnare, perché vuole condurre, perché sa dove portare. Siede perché vuole restare, non fugge come fanno i tanti opinionisti che ci illudono per poi rintanarsi nelle loro luccicanti vite private. Resta, sta, spiega, condivide. Senza paroloni, senza alzare la voce, senza usare argomenti raffinati, senza sottolineare le distanze, senza sbattere in faccia la sua conoscenza. Usa esempi che tutti possono cogliere, usa le parabole. Davanti ad una parabola si resta liberi, possiamo coglierne il significato profondo, lasciarci scuotere oppure tenerla come un simpatico aneddoto. La parabola è uno strumento efficace: usa immagini concrete, non concetti astratti ma nasconde un mistero, una morale, un insegnamento che può toccare nel profondo chi ascolta. E, nello stesso tempo, non aggredisce. Se Gesù avesse detto: state ascoltando male la Parola di Dio, non siete capaci! Avrebbe mortificato e offeso chi gli stava di fronte. Ma la parabola del seminatore è efficace: chi ascolta si interroga sul suo modo di accogliere e di ascoltare il seme della parola che Dio semina con generosità nei nostri cuori.

iosonolalucedelmondo.it/vangelo-del-giorno-xvi-domenica-e-settimana-del-tempo-ordinario-anno-c/

IL VANGELO NEL 21° SECOLO

Martedì della XVI settimana del Tempo Ordinario Anno c
Ecco mia madre e i miei fratelli!
Perché chiunque fa la volontà del Padre mio che è nei cieli,
egli è per me fratello, sorella e madre.
Dal Vangelo secondo Matteo
(Mt 12,46-50)
***

TESTO:-
Dal Vangelo secondo Matteo (Mt 12,46-50)
In quel tempo, mentre Gesù parlava ancora alla folla, ecco, sua madre e i suoi fratelli stavano fuori e cercavano di parlargli.
Qualcuno gli disse: «Ecco, tua madre e i tuoi fratelli stanno fuori e cercano di parlarti».
Ed egli, rispondendo a chi gli parlava, disse: «Chi è mia madre e chi sono i miei fratelli?».
Poi, tendendo la mano verso i suoi discepoli, disse: «Ecco mia madre e i miei fratelli! Perché chiunque fa la volontà del Padre mio che è nei cieli, egli è per me fratello, sorella e madre». Parola del Signore.

RIFLESSIONI

La realtà centrale del cristianesimo è che ciascuno di noi, riconoscendo la paternità di Dio, diventa fratello e sorella di Cristo.
È un legame di fraternità molto più profondo di quello che nasce semplicemente dal sangue. San Paolo dice che proprio perché figli diventiamo anche eredi: riceviamo per grazia gli stessi doni che il Padre ha concesso al Figlio.
Ma in questo episodio del Vangelo ci è rivelato anche che noi diventiamo madre di Cristo per gli uomini, diventiamo cioè missionari.
Questa è la dignità del cristiano, questo è l'unico scopo della sua vita: fare la volontà del Padre. Noi sappiamo dal Vangelo di san Giovanni che la volontà del Padre è una sola: "Che conoscano colui che egli ha mandato".
Comunicandolo agli altri uomini, ciascuno di noi comprende, in una esperienza personale sempre più profonda, chi sia Cristo per la sua vita.

Ecco mia madre ed i miei fratelli
Oggi leggiamo un brano evangelico che ci sembra piuttosto duro, soprattutto verso la Madre di Gesù. Per la nostra mentalità che vede solo negli onori terreni la riconoscenza dei meriti, sembra infatti che Gesù rinneghi, in qualche modo, le qualità di Maria. Gesù, però non disprezza i suoi legami di sangue ma anzi ne dà una valenza ancora maggiore. Non tradisce sua madre e Gesù stesso la vuole accanto a sé fino al momento supremo della sua morte in Croce. La sua missione è però quella di instaurare una nuova famiglia i cui legami non sono di sangue; in Lui diventiamo tutti fratelli e Figli di Dio. E' un nuovo rapporto che ci chiede Gesù. La figliolanza divina al quale ci chiama non è diritto di natura ma può essere conquistata solo con il nostro impegno personale nel seguire la sua volontà. Maria, con il suo «si» completo e totale si è già aggregata tra i discepoli di Gesù e con la sua vita ci dà un esempio luminoso di dedizione. Con lei possiamo diventare anche noi veri discepoli di Gesù e quindi partecipare a questa nuova famiglia di adozione.

TESTO:-
Dal Vangelo secondo Matteo (Mt 12,38-42)
In quel tempo, alcuni scribi e farisei dissero a Gesù: «Maestro, da te vogliamo vedere un segno».
Ed egli rispose loro: «Una generazione malvagia e adultera pretende un segno! Ma non le sarà dato alcun segno, se non il segno di Giona il profeta. Come infatti Giona rimase tre giorni e tre notti nel ventre del pesce, così il Figlio dell'uomo resterà tre giorni e tre notti nel cuore della terra.
Nel giorno del giudizio, quelli di Nìnive si alzeranno contro questa generazione e la condanneranno, perché essi alla predicazione di Giona si convertirono. Ed ecco, qui vi è uno più grande di Giona! Nel giorno del giudizio, la regina del Sud si alzerà contro questa generazione e la condannerà, perché ella venne dagli estremi confini della terra per ascoltare la sapienza di Salomone. Ed ecco, qui vi è uno più grande di Salomone!». Parola del Signore.

RIFLESSIONI 

Una generazione malvagia e adultera pretende un segno!
Gesù non è venuto sulla terra per mostrare la sua divina onnipotenza, per sconvolgere menti e cuori, per piegarli alla fede e alla verità così come aveva fatto Dio con il faraone. Non è questa la sua via. Lo attesta anche la Lettera agli Ebrei: "Voi infatti non vi siete avvicinati a qualcosa di tangibile né a un fuoco ardente né a oscurità, tenebra e tempesta, né a squillo di tromba e a suono di parole, mentre quelli che lo udivano scongiuravano Dio di non rivolgere più a loro la parola. Non potevano infatti sopportare quest'ordine: Se anche una bestia toccherà il monte, sarà lapidata. Lo spettacolo, in realtà, era così terrificante che Mosè disse: Ho paura e tremo. Voi invece vi siete accostati al monte Sion, alla città del Dio vivente, alla Gerusalemme celeste e a migliaia di angeli, all'adunanza festosa e all'assemblea dei primogeniti i cui nomi sono scritti nei cieli, al Dio giudice di tutti e agli spiriti dei giusti resi perfetti, a Gesù, mediatore dell'alleanza nuova, e al sangue purificatore, che è più eloquente di quello di Abele" (Eb 12,18-24). Gesù è venuto a rivelare al mondo quanto è grande la potenza della carità di Dio, del suo amore, della sua misericordia.
I farisei vorrebbero portare Gesù nella forma e nella sostanza dell'Antico Testamento. Gesù non si lascia da loro tentare. Chiama questa generazione malvagia e adultera. Essa è malvagia perché assai lontana dai pensieri di Dio. Essi solamente sono buoni, pii, giusti, santi. Ora il pensiero di Dio è uno solo: amare fino alla morte di croce. È la croce il più grande segno della divina onnipotenza. Gesù dal legno rivela quanto grande, onnipotente, santo, invincibile è l'amore di Dio per l'uomo. È adultera, questa generazione, perché ha tradito il patto di alleanza con il suo Creatore e si è concessa all'idolatria, all'empietà, al peccato. Ha abbandonato la Legge del suo Signore e al suo posto si è costruito l'idolo dei pensieri umani. Questo è vero tradimento, vero adulterio spirituale, che conduce ad ogni altro adulterio morale.
La dolcezza dell'amore, la profondità della verità, della giustizia, della sapienza bastano a tutti coloro che si vogliono convertire. Ninive non si converti per i grandi segni. Aderì al Signore per la più semplice parola che un uomo abbia mai potuto udire: "Ancora quaranta giorni e Ninive sarà distrutta". Gesù invece non ha solo rivelato la purezza della Parola di Dio, ha anche manifestato loro le profondità dell'amore del Padre. Quello di Cristo Gesù era un amore che guariva, sanava, purificava, perdonava, accoglieva, esaltava l'uomo, donandogli ogni dignità. Anche ai peccatori Lui dava la grande speranza del perdono e della misericordia. L'amore, la carità, la pietà vera e santa, sono il più grande segno della presenza di Dio sulla nostra terra. Là dove vi è un uomo che ama, lì vi è sempre Dio che opera. Ecco il segno vero della credibilità di Gesù Signore. Altri segni sono fuorvianti. Sono per i cuori induriti che continueranno a rimanere induriti e ostili. Questi cuori cercano il segno, ma solo per tentare il Signore e per attestare la sua incapacità a poterli donare. Questa è pura malvagità e cattiveria.
Vergine Maria, Madre della Redenzione, Angeli e Santi, dateci la purezza dell'amore.

iosonolalucedelmondo.it/vangelo-del-giorno-xvi-domenica-e-settimana-del-tempo-ordinario-anno-c/
IL VANGELO NEL 21° SECOLO 

XVI DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO ANNO C
Dal Vangelo secondo Luca (Lc 10,38-42)

Marta, Marta, tu ti affanni e ti agiti per molte cose,
ma una cosa sola è necessaria.

Maria ha scelto la parte migliore, che non le sarà tolta.

***

TESTO:-
Dal Vangelo secondo Luca (Lc 10,38-42)
In quel tempo, mentre erano in cammino, Gesù entrò in un villaggio e una donna, di nome Marta, lo ospitò.
Ella aveva una sorella, di nome Maria, la quale, seduta ai piedi del Signore, ascoltava la sua parola. Marta invece era distolta per i molti servizi.
Allora si fece avanti e disse: «Signore, non t'importa nulla che mia sorella mi abbia lasciata sola a servire? Dille dunque che mi aiuti». Ma il Signore le rispose: «Marta, Marta, tu ti affanni e ti agiti per molte cose, ma di una cosa sola c'è bisogno. Maria ha scelto la parte migliore, che non le sarà tolta». Parola del Signore.

RIFLESSIONI 

Il Signore non cerca servitori ma amici.
Mentre erano in cammino, una donna di nome Marta lo accolse nella sua casa.
Ha la stanchezza del viaggio nei piedi, il dolore della gente negli occhi. Allora riposare nella frescura amica di una casa, mangiare in compagnia sorridente, è un dono, e Gesù lo accoglie con gioia.
Quando una mano gli apre una porta, lui sa che lì dentro c'è un cuore che si è schiuso. Ha una meta, Gerusalemme, ma lui non "passa oltre" quando incontra qualcuno, si ferma. Per lui, come per il buon Samaritano, ogni incontro diventa una meta, ogni persona un obiettivo importante.
A Betania il maestro è accolto da donne che non venivano accolte come discepole dai maestri del tempo. Entra nella loro casa: la casa è scuola di vita, il luogo dove la vita nasce e si conclude, dove celebra le sue feste più belle, dove Dio parla nel quotidiano, nei giorni delle lacrime e in quella della danza dei cuori. E il Vangelo deve diventare vero non ai margini della vita, ma nel cuore di essa.
Maria, seduta ai piedi del Signore, ascoltava la sua parola. Sapienza del cuore di donna, intuito che sceglie ciò che fa bene alla vita, ciò che regala pace, libertà, orizzonti e sogni: la Parola di Dio
Mi piace immaginare Maria di Betania e Gesù totalmente presi l'uno dall'altra: lui a darsi, lei a riceverlo. E li sento tutti e due felici, lui di aver trovato un cuore in ascolto, lei di avere un rabbi tutto per sé. Lui totalmente suo, lei totalmente sua.
A Maria doveva bruciare il cuore quel giorno. Da quel momento la sua vita è cambiata. Maria è diventata feconda, grembo dove si custodisce il seme della Parola, apostola: inviata a donare, ad ogni incontro, ciò che Gesù le aveva seminato nel cuore.
Marta, Marta, tu ti affanni e ti agiti per molte cose. Gesù, affettuosamente, rimprovera Marta. E lo fa contraddicendo non il servizio, ma l'affanno; non contestando il cuore generoso, ma l'agitazione.
Quelle parole ripetono a tutti noi: attento a un troppo che è in agguato, a un troppo che può sorgere e ingoiarti, che affanna, che toglie libertà e distoglie dal volto degli altri.
Marta - sembra dirle Gesù - prima le persone, poi le cose. Non sopporta che sia confinata in un ruolo di servizio, affogata nei troppi impegni: tu, le dice, sei molto di più; tu puoi stare con me in una relazione diversa. Tu puoi condividere con me pensieri, sogni, emozioni, conoscenza, sapienza, Dio.
«Maria ha scelto la parte migliore», si è liberata e ha iniziato dalla parte giusta il cammino che porta al cuore di Dio, dall'ascolto. Perché Dio non cerca servitori, ma amici; non cerca delle persone che facciano delle cose per lui, ma gente che gli lasci fare delle cose, che lo lasci essere Dio.