IO SONO LA LUCE DEL MONDO IL VANGELO DEL GIORNO XX DOMENICA                               E SETTIMANA DEL TEMPO ORDINARIO ANNO A IL VANGELO NEL 21° SECOLO
Inserisci sottotitolo qui

Ti lodino i popoli, o Dio, ti lodino i popoli tutti.
Ci benedica Dio e lo temano tutti i confini della terra.

TESTO:-
Dal Vangelo secondo Matteo. (Mt 15,21-28)
In quel tempo, partito di là, Gesù si ritirò verso la zona di Tiro e di Sidòne. Ed ecco una donna Cananèa, che veniva da quella regione, si mise a gridare: «Pietà di me, Signore, figlio di Davide! Mia figlia è molto tormentata da un demonio». Ma egli non le rivolse neppure una parola.
Allora i suoi discepoli gli si avvicinarono e lo implorarono: «Esaudiscila, perché ci viene dietro gridando!». Egli rispose: «Non sono stato mandato se non alle pecore perdute della casa d'Israele».
Ma quella si avvicinò e si prostrò dinanzi a lui, dicendo: «Signore, aiutami!». Ed egli rispose: «Non è bene prendere il pane dei figli e gettarlo ai cagnolini». «È vero, Signore - disse la donna -, eppure i cagnolini mangiano le briciole che cadono dalla tavola dei loro padroni».
Allora Gesù le replicò: «Donna, grande è la tua fede! Avvenga per te come desideri». E da quell'istante sua figlia fu guarita. Parola del Signore.

RIFLESSIONI
In questo brano troviamo la debole preghiera iniziale di una donna, un'invocazione a Gesù che risulta non appropriata. Come quando i credenti pregano anche per molti anni e non ottengono nulla, e questo significa che la preghiera fatta non ha i requisiti richiesti, non arriva in alto e rimane bloccata a terra.
È determinante saper chiedere le Grazie, ancora più importante è la disposizione interiore, lo stato spirituale di chi chiede le Grazie.
Gesù vuole concedere infinite Grazie ma bisogna meritarle, si deve cominciare a fare qualcosa per Lui, e la prima azione è quella di compiere la sua volontà. Nel Vangelo troviamo tutte le indicazioni date da Gesù per vivere secondo la sua volontà.
La preghiera per elevarsi verso l'alto deve contenere alcuni requisiti indispensabili, come l'umiltà, la fiducia e la perseveranza.
Senza queste indispensabili caratteristiche la preghiera è priva di Fede e non raggiunge il Signore, e Lui potrà ripetere il gesto del non ascolto fatto con la donna cananea. Anche se verso questa donna c'era un altro impedimento, ella non apparteneva al popolo eletto e Gesù voleva portare l'annuncio del Vangelo innanzitutto a quanti già conoscevano Dio.
Qui però Gesù dimostra che la salvezza è aperta a tutti ma bisogna riconoscerlo come Dio e avere Fede nella sua Persona.
All'iniziale silenzioso rifiuto, Gesù cambia atteggiamento verso la donna non appena questa cambia la sua supplica e mostra una Fede molto forte. Il Signore non la considera più un'estranea o una pagana ma una che Lo adora e questo è sufficiente per donarle un grande miracolo.
"Donna, grande è la tua Fede! Avvenga per te come desideri". E da quell'istante sua figlia fu guarita".
La perseveranza della donna deve fare riflettere tutti, ella non si è fermata alla prima invocazione ma ha insistito, ha ripetuto la sua richiesta con tutto l'amore che conservava per Gesù. Non bisogna fermarsi o allentare la preghiera quando ancora non si ottiene nulla, alle volte Gesù ci spinge a pregare di più non concedendo subito la Grazia.
Gesù ci chiede di crescere nella Fede, e la Fede è vincolata alla vita che conduciamo, la Fede aumenta o diminuisce dalle virtù che pratichiamo o non pratichiamo. È determinante il nostro giornaliero impegno nella pratica delle virtù, questo diventa facile se chiediamo aiuto alla Madonna con il Santo Rosario.

TESTO:-
Dal Vangelo secondo Matteo. (Mt 19,16-22)
In quel tempo, un tale si avvicinò e gli disse: «Maestro, che cosa devo fare di buono per avere la vita eterna?». Gli rispose: «Perché mi interroghi su ciò che è buono? Buono è uno solo. Se vuoi entrare nella vita, osserva i comandamenti». Gli chiese: «Quali?».
Gesù rispose: «Non ucciderai, non commetterai adulterio, non ruberai, non testimonierai il falso, onora il padre e la madre e amerai il prossimo tuo come te stesso». Il giovane gli disse: «Tutte queste cose le ho osservate; che altro mi manca?». Gli disse Gesù: «Se vuoi essere perfetto, va', vendi quello che possiedi, dallo ai poveri e avrai un tesoro nel cielo; e vieni! Seguimi!».
Udita questa parola, il giovane se ne andò, triste; possedeva infatti molte ricchezze. Parola del Signore.

RIFLESSIONI
Se vuoi essere perfetto.
Vedere la vita dalla bontà di Dio e vederla dai desideri del proprio cuore, non sono la stessa cosa. Vi è un abisso eterno di bene, verità, santità, giustizia, misericordia, pietà, compassione, consolazione, speranza, realizzazione di sé. I Comandamenti della Legge Antica sono il primo stadio per vivere la vita secondo la bontà del nostro Dio. Essi sono stati donati in un deserto. Leggendo questo evento in termini spirituali, allegorici, potremmo dire che essi sono l'indispensabile, ciò di cui mai si potrà fare a meno, per attraversare indenni il deserto della vita. Essi però non sono il sommo della bontà di Dio, della sua verità, della sua carità, da cui è anche la bontà, la verità, la carità di ogni uomo. Senza Comandamenti si muore nel deserto della storia. E oggi l'uomo sta morendo nel suo deserto a motivo della sua volontà superba e arrogante con la quale ha deciso che i Comandamenti non gli servono.
Gesù è venuto per insegnare ad ogni uomo a vedere la propria vita non dall'indispensabile, non da ciò che gli serve soltanto per attraversare indenne il suo proprio deserto, bensì dalla perfezione divina della carità e della bontà di Dio. È venuto per proporre se stesso come modello inseparabile di questa scelta. Chi è infatti Lui? È il dono totale della carità e della verità che il Padre ha fatto all'umanità per la sua redenzione eterna. Poiché però la sua sola vita, il suo solo dono non è sufficiente, non basta, oggi Lui fa questa proposta, rivolge un invito forte, deciso ad una persona perché anch'essa abbandoni il quasi niente dell'osservanza dei Comandamenti e si consegni tutto alla carità e verità di Dio per la salvezza dei suoi fratelli.
La consegna dell'uomo alla pienezza della carità e della verità di Dio si compie già nelle Beatitudini. Anche nelle Beatitudini vi è il minimo e il massimo, vi è il poco e il molto, vi è l'imperfezione e la perfezione. In essi vi è la possibilità di accudire alle cose di questo mondo, ma anche l'invito esplicito per dedicarsi alle cose dello spirito, di Dio, per dare ad ogni uomo la conoscenza della verità, per invitarlo a lasciarsi immergere nella divina carità. Oggi Gesù chiede a quest'uomo che trascorre la sua vita alla coltivazione e all'incremento delle sue ricchezze, di lasciare tutto, vendere ogni cosa, dare il ricavato ai poveri e poi di ritornare per seguire Lui sulla via della missione. Quest'uomo è invitato ad immergersi nella perfezione della carità e della bontà di Dio. È invitato ad essere immagine vivente del Dono del Padre che è Gesù Signore.
La proposta di Gesù di somma perfezione, somma imitazione della bontà e carità del Padre che consegna il proprio Figlio Unigenito alla morte per manifestare al mondo tutto il suo amore, il suo perdono, la sua misericordia, rattrista quest'uomo. Se ne va scuro in volto. Possedeva infatti molti beni. Non possedeva però il vero bene. Era privo della vera ricchezza. È questa la logica perfetta di Dio: per ricevere si deve abbandonare, per accogliere bisogna privarsi, per elevarsi urge spogliarsi di ciò che è pura zavorra. Per riempire una brocca di acqua fresca e dissetante urge che prima venga svuotata del fango che vi è dentro. A questo è stato chiesto da Gesù di svuotare la sua anfora di tutte le false ricchezze per mettere in essa la vera, la sola vera. Il falso bene, il bene effimero lo tenta, lo attrae, gli conquista il cuore. Tra la scelta di Gesù che avrebbe voluto fare e la rinuncia ai suoi beni, sceglie i beni e lascia Gesù. La tristezza nasce dall'impossibilità di poter conciliare le due cose. O l'una o l'altra.
Vergine Maria, Madre della Redenzione, Angeli, Santi, aiutateci a scegliere il bene.

TESTO:-
Dal Vangelo secondo Matteo. (Mt 19,23-30)
In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «In verità io vi dico: difficilmente un ricco entrerà nel regno dei cieli. Ve lo ripeto: è più facile che un cammello passi per la cruna di un ago, che un ricco entri nel regno di Dio».
A queste parole i discepoli rimasero molto stupiti e dicevano: «Allora, chi può essere salvato?». Gesù li guardò e disse: «Questo è impossibile agli uomini, ma a Dio tutto è possibile».
Allora Pietro gli rispose: «Ecco, noi abbiamo lasciato tutto e ti abbiamo seguito; che cosa dunque ne avremo?». E Gesù disse loro: «In verità io vi dico: voi che mi avete seguito, quando il Figlio dell'uomo sarà seduto sul trono della sua gloria, alla rigenerazione del mondo, siederete anche voi su dodici troni a giudicare le dodici tribù d'Israele. Chiunque avrà lasciato case, o fratelli, o sorelle, o padre, o madre, o figli, o campi per il mio nome, riceverà cento volte tanto e avrà in eredità la vita eterna. Molti dei primi saranno ultimi e molti degli ultimi saranno primi». Parola del Signore.

RIFLESSIONI
Allora, chi può essere salvato?
L'uomo ricco per dei miseri beni effimeri, di un istante, rifiuta il grande bene eterno. Le parole di Gesù sono ritenute dai discepoli senz'appello: In verità io vi dico. Difficilmente un ricco entrerà nel regno dei cieli. Ve lo ripeto: è più facile che un cammello passi per la cruna di un ago, che un ricco entri nel regno di Dio. Anzi, essi le estendono ad ogni uomo: Allora, chi può essere salvato? La risposta di Gesù è ancora più sorprendente: Questo è impossibile agli uomini, ma a Dio tutto è possibile. Il discorso di Gesù è limpido. Le ricchezze imprigionano il cuore. Se in un primo momento esso è onesto e santo, a poco a poco inizierà a divenire disonesto e malvagio. Nella disonestà e malvagità del cuore non c'è salvezza eterna.
Dalla malvagità e disonestà si può tornare indietro? Ci si può convertire? Ci si può pentire e iniziare una nuova vita? Gesù attesta che si può. Non però con le forze dell'uomo, ma con la potente grazia di Dio. Il Signore però non sempre agisce in modo diretto. Normalmente agisce per via indiretta, attraverso i suoi ministri. Spetta ad essi liberare i cuori dagli affanni della ricchezza, perché si dedichino al servizio di Dio, nella verità, nella giustizia, nella grande carità e se è richiesto, anche nella grande rinunzia. Accanto a Gesù troviamo uomini ricchi e facoltosi. Vi sono donne che assistono il Maestro e i discepoli con i loro beni. Gesù stesso ha convertito Levi e Zaccheo. Lazzaro e le due sorelle, Giuseppe di Arimatea, Nicodemo erano persone non povere.
Il principio teologico che necessariamente va messo in luce esige che si dica che la salvezza è il frutto della grazia di Cristo e della grazia del Corpo di Cristo che è la Chiesa. Se la Chiesa, come Cristo Gesù, produce grazia, con essa il Padre celeste potrà convertire molti cuori. Se invece essa non produce alcuna grazia, non speri che qualcuno si possa convertire, né ricco e né povero, perché anche la salvezza del povero è il frutto della grazia del Corpo di Cristo che è la sua Chiesa. Allora è giusto che ognuno si chieda: Ma io, parte del Corpo di Cristo, sua Chiesa, cammino di verità in verità, di grazia in grazia, di sapienza in sapienza, divengo ogni giorno più grande fiume di salvezza per i miei fratelli? Se non sono fiume di grazia, nessuno per me si convertirà e l'uomo rimane imprigionato nella sua miseria spirituale, indipendentemente che sia ricco o povero, dotto o non dotto, potente o debole, facoltoso o misero.
Gesù allora disse ai suoi discepoli: «In verità io vi dico: difficilmente un ricco entrerà nel regno dei cieli. Ve lo ripeto: è più facile che un cammello passi per la cruna di un ago, che un ricco entri nel regno di Dio». A queste parole i discepoli rimasero molto stupiti e dicevano: «Allora, chi può essere salvato?». Gesù li guardò e disse: «Questo è impossibile agli uomini, ma a Dio tutto è possibile».
Allora Pietro gli rispose: «Ecco, noi abbiamo lasciato tutto e ti abbiamo seguito; che cosa dunque ne avremo?». E Gesù disse loro: «In verità io vi dico: voi che mi avete seguito, quando il Figlio dell'uomo sarà seduto sul trono della sua gloria, alla rigenerazione del mondo, siederete anche voi su dodici troni a giudicare le dodici tribù d'Israele. Chiunque avrà lasciato case, o fratelli, o sorelle, o padre, o madre, o figli, o campi per il mio nome, riceverà cento volte tanto e avrà in eredità la vita eterna. Molti dei primi saranno ultimi e molti degli ultimi saranno primi.
Pietro e gli altri hanno lasciato tutto per seguire Gesù. Cosa riceveranno loro in cambio? La risposta Gesù l'ha già data nell'invito fatto all'uomo ricco: Avrai un tesoro nei cieli. Raggiungerai la più alta perfezione. Ora il Maestro vi aggiunge altre due ricompense: Nei cieli siederanno su dodici troni a giudicare le tribù di Israele. Saranno messi sopra tutti gli altri. Sulla terra avranno cento volte quanto hanno lasciato". Nulla mancherà in vita sulla terra e nulla mancherà in gloria nei cieli. Sulla terra la loro vita sarà sopra ogni altra vita. Nei cieli la loro gloria sarà sopra ogni altra gloria. Sono messi in alto, sopra tutti, sulla terra e nei cieli. L'uomo dona il suo niente terreno a Dio, Dio gli dona il suo tutto eterno. Chi guadagna è l'uomo. Riceve il tutto sulla terra e nei cieli.
Vergine Maria, Madre della Redenzione, Angeli, Santi, fateci dono totale a Cristo Gesù.

TESTO:-
Dal Vangelo secondo Matteo. (Mt 20,1-16)
In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli questa parabola:
«Il regno dei cieli è simile a un padrone di casa che uscì all'alba per prendere a giornata lavoratori per la sua vigna. Si accordò con loro per un denaro al giorno e li mandò nella sua vigna. Uscito poi verso le nove del mattino, ne vide altri che stavano in piazza, disoccupati, e disse loro: "Andate anche voi nella vigna; quello che è giusto ve lo darò". Ed essi andarono. Uscì di nuovo verso mezzogiorno, e verso le tre, e fece altrettanto. Uscito ancora verso le cinque, ne vide altri che se ne stavano lì e disse loro: "Perché ve ne state qui tutto il giorno senza far niente?". Gli risposero: "Perché nessuno ci ha presi a giornata". Ed egli disse loro: "Andate anche voi nella vigna".
Quando fu sera, il padrone della vigna disse al suo fattore: "Chiama i lavoratori e da' loro la paga, incominciando dagli ultimi fino ai primi". Venuti quelli delle cinque del pomeriggio, ricevettero ciascuno un denaro. Quando arrivarono i primi, pensarono che avrebbero ricevuto di più. Ma anch'essi ricevettero ciascuno un denaro. Nel ritirarlo, però, mormoravano contro il padrone dicendo: "Questi ultimi hanno lavorato un'ora soltanto e li hai trattati come noi, che abbiamo sopportato il peso della giornata e il caldo".
Ma il padrone, rispondendo a uno di loro, disse: "Amico, io non ti faccio torto. Non hai forse concordato con me per un denaro? Prendi il tuo e vattene. Ma io voglio dare anche a quest'ultimo quanto a te: non posso fare delle mie cose quello che voglio? Oppure tu sei invidioso perché io sono buono?".
Così gli ultimi saranno primi e i primi, ultimi». Parola del Signore.

RIFLESSIONI
Quante volte abbiamo sentito dai bambini porci questo interrogativo: "se io faccio la cosa che mi hai chiesto, tu che cosa mi dai?"
È un po' la stessa domanda che troviamo nei versetti precedenti il brano odierno. Pietro si rivolge a Gesù e gli dice: "e noi? Noi che abbiamo lasciato tutto per seguirti, che cosa avremo in cambio?".
È come se Pietro cercasse una ricompensa.
Gesù con la sua risposta, vuole far capire a Pietro e i suoi compagni che, per il fatto di "stare con Lui" hanno già ricevuto il centuplo. Essi infatti fanno già parte di quel "mondo nuovo", di quella "rigenerazione" di tutte le cose, che con Gesù è già in atto ed avrà il suo compimento nella sua passione morte e resurrezione.
Pietro e i suoi compagni seguendo Gesù, partecipano già ora a questa "nuova creazione", ma ciò non li pone su un piedistallo.
Gesù non vuole che si sentano privilegiati rispetto agli altri.
Egli spiega, a scanso di equivoci, che nel suo regno, le gerarchie vengono facilmente rovesciate e così gli ultimi finiscono per essere primi e i primi gli ultimi.
Per aiutare ulteriormente la loro comprensione, narra la parabola che oggi la liturgia della Parola ci presenta, quella degli operai della vigna.
Operai che vengono reclutati dall'alba fino a un ora prima del tramonto.
La giornata di lavoro infatti era di 12 ore, iniziava alle 6.00 e terminava intorno alle 18.00 e il salario di un denaro di argento era considerato il giusto compenso.
Il Signore della vigna però appare subito uno che va contro i suoi interessi. Infatti, durante tutta la giornata, continua ad andare nella piazza del paese a reclutare persone.
Porta operai persino verso le 17.00, appena un'ora prima del tramonto del sole che segna la fine della giornata di lavoro.
Quando a sera retribuisce gli operai, comincia a pagare per primi gli ultimi. Questi si ritengono davvero fortunati perché avendo lavorato poco ricevono il salario di un intera giornata.
Ma i primi che si vedono lo stesso compenso tra le mani, mormorano e la loro indignazione non è tanto per aver ricevuto un solo denaro, ma perché il padrone della vigna, pagando anche gli operai dell'ultima ora con la stessa somma li "rende uguali a loro".
Noi siamo i primi, noi abbiamo faticato di più!
È come se affermassero: "noi abbiamo diritto più di loro".
Il Padrone, ricorda agli operai che hanno ricevuto quanto avevano pattuito, ma nello stesso tempo con il suo gesto vuole affermare la libertà di fare dei suoi beni, e del suo denaro ciò che vuole.
D'altra parte questo "Padrone della Vigna" si mostra come "Altro", diverso anche dagli altri padroni, non solo dagli operai.
"I miei pensieri non sono i vostri pensieri e le mie vie non sono le vostre vie" leggiamo nella prima lettura del profeta Isaia. Il vero volto del padrone è quello di Dio che cerca, e cerca senza tregua, lavoratori per il suo regno.
Far parte degli "operai della sua vigna" è chiamata, è dono, è privilegio, è grazia che nessuno di noi merita.
Entrare in questa luce di grazia significa per noi abbandonare il male e i pensieri cattivi che creano divisione, separazione perché pongono alcuni su piedistalli ed altri nella polvere.
Il Signore ci invita a "cercarlo" perché la contemplazione di lui ci mostri anche la grandezza del suo amore che elargisce con generosità e gratuità a noi e a tutti proprio tutti, anche a quelli che ai nostri occhi reputiamo "ultimi".

TESTO:-
Dal Vangelo secondo Matteo (Mt 22,1-14)
In quel tempo, Gesù, riprese a parlare con parabole ai capi dei sacerdoti e ai farisei e disse: «Il Regno dei Cieli è simile a un re, che fece una festa di nozze per suo figlio. Egli mandò i suoi servi a chiamare gli invitati alle nozze, ma questi non volevano venire. Mandò di nuovo altri servi con quest'ordine: "Dite agli invitati: Ecco, ho preparato il mio pranzo; i miei buoi e gli animali ingrassati sono già uccisi e tutto è pronto; venite alle nozze!". Ma quelli non se ne curarono e andarono chi al proprio campo, chi ai propri affari; altri poi presero i suoi servi, li insultarono e li uccisero. Allora il re si indignò: mandò le sue truppe, fece uccidere quegli assassini e diede alle fiamme la loro città. Poi disse ai suoi servi: "La festa di nozze è pronta, ma gli invitati non erano degni; andate ora ai crocicchi delle strade e tutti quelli che troverete, chiamateli alle nozze". Usciti per le strade, quei servi radunarono tutti quelli che trovarono, cattivi e buoni, e la sala delle nozze si riempì di commensali. Il re entrò per vedere i commensali e lì scorse un uomo che non indossava l'abito nuziale. Gli disse: "Amico, come mai sei entrato qui senza l'abito nuziale?". Quello ammutolì. Allora il re ordinò ai servi: "Legatelo mani e piedi e gettatelo fuori nelle tenebre; là sarà pianto e stridore di denti". Perché molti sono chiamati, ma pochi eletti». Parola del Signore.

RIFLESSIONI
Tutti siamo chiamati al banchetto nuziale, ognuno di noi in peculiari circostanze, ma la chiamata a vivere il Vangelo riguarda proprio tutti.
Oggi Gesù ci parla di un re che preparò un banchetto per celebrare le nozze di suo figlio, e inviò i suoi servi a chiamare gli invitati.
Dal racconto leggiamo che molte volte alla generosità di Dio corrispondiamo con freddezza e indifferenza. Inviò i suoi servi a chiamare gli invitati ma questi non risposero all'invito. Quante volte Dio chiama i peccatori alla conversione con ispirazioni e con avvenimenti che fanno riflettere, ma essi rimangono insensibili, aggrappati all'unica loro certezza che è l'orgoglio?
Molti peccatori oggi intravedono il passaggio di Gesù nella loro vita, attraverso la sofferenza o di prove che tutti incontriamo prima o poi, ma non fermano il Signore e non Lo invitano a casa loro, nelle loro anime. E Gesù passa oltre...
Nel Vangelo vediamo che gli invitati al banchetto nuziale rifiutano di lasciare i loro impegni per onorare il re, come quelli che non riconoscono la regalità di Cristo e non Lo adorano, non Lo seguono. Però Dio continua ad invitare anche i non credenti, fino a quando ribadiscono il definitivo rifiuto.
"Quelli non se ne curarono e andarono chi al proprio campo, chi ai propri affari; altri poi presero i suoi servi, li insultarono e li uccisero".
Gesù ha raccontato questa parabola con grande dolore, considerando quante scuse avrebbe ricevuto lungo i secoli I cibi preparati con tanta cura rimangono sulla mensa e la sala resta vuota, perché Gesù non costringe nessuno.
Dio è però un Padre paziente e rinnova fino a un certo limite l'invito a prendere parte alla festa nuziale di suo Figlio con la Chiesa, invia nuovamente i suoi servi a convocare gli invitati: "Ecco, ho preparato il mio pranzo; i miei buoi e gli animali ingrassati sono già uccisi e tutto è pronto; venite alle nozze!".
Gli invitati, però, non prestarono la minima attenzione all'invito che equivaleva la salvezza eterna e al miglioramento della loro condizione in questa vita: se ne andarono chi al proprio campo, chi ai propri affari. 
Così vivono quelli che hanno dimenticato Dio e si illudono di rimanere in questa valle di lacrime per millenni.
Non riescono a riflettere minimamente che tutto passa, solo Dio rimane eternamente e vuole renderci felici qui e beati in Cielo.
Gli altri invitati non si limitarono a respingere l'invito: si rivoltarono contro il re. Risposero con la violenza e sappiamo che questa profezia riguardava Gesù. Oggi nella Chiesa ci sono anche quelli che reagiscono alla Parola di Dio con atteggiamenti di rifiuto, come se si trattasse di una parola umana e cercano di stravolgerla. 
Per approfondire meglio come vivere la Parola di Dio, leggiamo il messaggio di Medjugorje del 2 agosto 2015 dato a Mirjana:
"Cari figli, io come Madre che ama i suoi figli, vedo quanto è difficile il tempo che state vivendo. Vedo le vostre sofferenze, ma voi dovete sapere che non siete soli. Mio Figlio è con voi. È onnipresente: è invisibile però Lo potete vedere se lo vivete. La luce che illumina la vostra anima e vi dona la pace è Lui. 
Lui è la Chiesa che dovete amare e pregare sempre e lottare per essa ma non solo con le parole ma con le opere d'amore. Figli miei, fate in modo che tutti conoscano mio Figlio, fate in modo che sia amato, perché la Verità è in mio Figlio nato da Dio, Figlio di Dio. 
Non perdete tempo riflettendoci troppo, vi allontanereste dalla Verità. 
Con un cuore semplice accettate la Sua Parola e vivetela. 
Se vivete la Sua Parola, pregherete. 
Se vivete la Sua Parola, amerete, con un amore misericordioso. 
Vi amerete gli uni e gli altri. Quanto più amerete, tanto più sarete lontani dalla morte. 
Per coloro che vivranno la Parola di mio Figlio e coloro che ameranno, la morte sarà vita. Vi ringrazio. Pregate per poter vedere mio Figlio nei vostri Pastori, pregate per poterLo abbracciare in essi".
Mt 22,1-14 Tutti quelli che troverete, chiamateli alle nozze.
L'umanità rimane perseguitata dai giochi di potere e dai progetti di morte. Tutto sembra essere nelle loro mani ma ignorano che Gesù Cristo è il Re dell'Universo e non permetterà ad essi di portare a termine i loro progetti segreti.
La nostra piena fiducia nel Signore sarà ripagata abbondantemente, la nostra Fede resta accesa come un'immensa luce che illumina le tenebre.

TESTO:-
Dal Vangelo secondo Matteo. (Mt 22,34-40)
In quel tempo, i farisei, avendo udito che Gesù aveva chiuso la bocca ai sadducèi, si riunirono insieme e uno di loro, un dottore della Legge, lo interrogò per metterlo alla prova: «Maestro, nella Legge, qual è il grande comandamento?».
Gli rispose: «"Amerai il Signore tuo Dio con tutto il tuo cuore, con tutta la tua anima e con tutta la tua mente". Questo è il grande e primo comandamento. Il secondo poi è simile a quello: "Amerai il tuo prossimo come te stesso". Da questi due comandamenti dipendono tutta la Legge e i Profeti». Parola del Signore.

RIFLESSIONI
In questa società confusa ognuno ha i suoi comandamenti, le sue leggi scaturite spesso da conoscenze apprese nei luoghi più imprevedibili. Sono i precetti che la persona cristallizza in sé e che considera come l'unico modo per vivere bene. Illudendosi.
La gravità delle norme di vita che una persona si costruisce, porta al fallimento inevitabile, perché non c'è Dio nella vita dissoluta e dedita esclusivamente ai piaceri del mondo. La convinzione dei senza Dio è quella di considerare questa come l'unica vita e si persuadono che bisogna viverla secondo le proprie convinzioni.
Nessuno di questi è mai stato felice veramente, la vera felicità è principalmente interiore e si espande in tutto ciò che vive la persona.
Perché Dio vuole che viviamo nella vera felicità in questa vita, e questa comprende anche ogni normale aspetto della vita sociale, come i viaggi, la frequenza di luoghi pubblici e di divertimento sano, insomma tutto ciò che lecitamente una persona normale vuole compiere.
Questo è il grande e primo comandamento
I farisei vogliono la morte di Gesù. Hanno però bisogno di un pretesto legale per poterlo accusare e toglierlo di mezzo. Per questo cercano di farlo cadere in qualche parola pronunciata dalla sua bocca. È sufficiente una sola frase considerata da loro blasfema per una immediata sentenza di lapidazione. Gesù però conosce la malizia del loro cuore. Sa quali sono le loro vere intenzioni e risponde sempre con somma sapienza e intelligenza nello Spirito Santo. Dalla sua bocca esce sempre una parola purissima di verità e nessun cuore, neanche il più malvagio, la potrà mai dichiarare bestemmia.

TESTO:-
Dal Vangelo secondo Matteo. (Mt 23,1-12)
In quel tempo, Gesù si rivolse alla folla e ai suoi discepoli dicendo:
«Sulla cattedra di Mosè si sono seduti gli scribi e i farisei. Praticate e osservate tutto ciò che vi dicono, ma non agite secondo le loro opere, perché essi dicono e non fanno. Legano infatti fardelli pesanti e difficili da portare e li pongono sulle spalle della gente, ma essi non vogliono muoverli neppure con un dito.
Tutte le loro opere le fanno per essere ammirati dalla gente: allargano i loro filattèri e allungano le frange; si compiacciono dei posti d'onore nei banchetti, dei primi seggi nelle sinagoghe, dei saluti nelle piazze, come anche di essere chiamati "rabbì" dalla gente.
Ma voi non fatevi chiamare "rabbì", perché uno solo è il vostro Maestro e voi siete tutti fratelli. E non chiamate "padre" nessuno di voi sulla terra, perché uno solo è il Padre vostro, quello celeste. E non fatevi chiamare "guide", perché uno solo è la vostra Guida, il Cristo.
Chi tra voi è più grande, sarà vostro servo; chi invece si esalterà, sarà umiliato e chi si umilierà sarà esaltato». Parola del Signore.

RIFLESSIONI
Chiaramente qui Gesù si riferisce agli scribi e ai farisei, erano dirette a loro le sue disapprovazioni verso queste false guide morali, sempre pronte ad accusare chi commetteva anche un piccolo errore e a giustificare i loro crimini.
Non meritavano l'appellativo di guide o rabbì o padre. Erano lo scandalo più forte presente nella religione ebraica e la loro instabilità fuorviava il popolo.
Il rischio c'è, siamo onesti. È un rischio che corre ogni esperienza religiosa: quello di inaridirsi, di irrigidirsi, di scordare l'essenziale ed appiattirsi sul superfluo. Così, Gesù giudica duramente l'atteggiamento dei farisei, dei dottori della Legge, degli scribi di cui, pure, riconosce l'autorevolezza, invitando a seguirne gli insegnamenti, ma non le opere. Quanto è vero, amici! La ragione per cui molte persone non credono nel Signore non è proprio la nostra incoerenza? E noi cristiani, a volte, non smentiamo con la nostra vita le parole che professiamo? Tutti noi abbiamo incontrato dei cristiani ferventi che, nella realtà delle situazioni, si rivelano delle pessime persone! Predicano misericordia e giudicano impietosamente. Parlano di servizio e si fanno gli affari propri. Dedicano tempo a Dio e sono scortesi e avari con gli uomini. Che grande responsabilità che è data, amici! E Gesù ci illustra come vivere in coerenza: non ostentando la fede, non prendendoci per maestri e dottori, capaci di calare nel quotidiano la Parola che ci scruta e ci giudica, vivendo in un atteggiamento di servizio reciproco. Viviamo la nostra giornata all'insegna della verità del vangelo!