XVI DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO E SETTIMANA ANNO B. IO SONO LA LUCE DEL MONDO IL VANGELO DEL GIORNO. IL VANGELO NEL 21° SECOLO.

Dice il Signore: «Guai ai pastori che fanno perire e disperdono il gregge del mio pascolo. Oracolo del Signore. 
Voi avete disperso le mie pecore, le avete scacciate e non ve ne siete preoccupati; ecco io vi punirò per la malvagità delle vostre opere. Oracolo del Signore. 

TESTO:-
Dal Vangelo secondo Marco. (Mc 6,30-34)
In quel tempo, gli apostoli si riunirono attorno a Gesù e gli riferirono tutto quello che avevano fatto e quello che avevano insegnato. Ed egli disse loro: «Venite in disparte, voi soli, in un luogo deserto, e riposatevi un po'». Erano infatti molti quelli che andavano e venivano e non avevano neanche il tempo di mangiare.
Allora andarono con la barca verso un luogo deserto, in disparte. Molti però li videro partire e capirono, e da tutte le città accorsero là a piedi e li precedettero.
Sceso dalla barca, egli vide una grande folla, ebbe compassione di loro, perché erano come pecore che non hanno pastore, e si mise a insegnare loro molte cose. Parola del Signore.

RIFLESSIONI
Come mostra il Vangelo, oggi al centro della parola che la liturgia ci porta c'è il fatto che Dio ha concretizzato le sue promesse in Gesù di Nazaret: attraverso il suo Salvatore egli veglia sul suo popolo. Il Vangelo descrive la "piccola" gente di Galilea che si affolla al seguito di Gesù come una comunità di uomini sfiniti di cui nessuno si occupa. Essi hanno sentito che Gesù si preoccupa sinceramente di loro, e che ha il potere di venire loro veramente in aiuto. È ciò che fa, portando l'indispensabile salvezza a tutti quelli che si rivolgono a lui fiduciosi, nella loro disgrazia sia fisica che sociale o spirituale.
La Chiesa non cerca oggi di distrarci con delle belle storie che parlano dei tempi passati. Attira la nostra attenzione sul fatto che Gesù Cristo risuscitato continua ad agire come il Salvatore di Dio. Egli può e vuole aiutarci nella nostra disgrazia. Compatisce le nostre preoccupazioni. Nella nostra miseria possiamo rivolgerci a lui. Egli ci consolerà, ci darà la forza, ci esaudirà. È lui che ci fa trovare le vie per uscire dalla disgrazia, che ci mette accanto delle persone che ci aiutino. E soprattutto, Gesù Cristo conosce l'ultima e la peggiore delle nostre miserie: la nostra ricerca di una salvezza duratura e felice, che sia per noi o per tutti quelli che amiamo, dei quali ci preoccupiamo, e che abitano con noi questo mondo.

TESTO:-
Dal Vangelo secondo Matteo. (Mt 12,38-42)
In quel tempo, alcuni scribi e farisei dissero a Gesù: «Maestro, da Te vogliamo vedere un segno». Ed Egli rispose loro: «Una generazione malvagia e adultera pretende un segno! Ma non le sarà dato alcun segno, se non il segno di Giona il profeta. Come infatti Giona rimase tre giorni e tre notti nel ventre del pesce, così il Figlio dell'Uomo resterà tre giorni e tre notti nel cuore della terra. Nel giorno del Giudizio, quelli di Nìnive si alzeranno contro questa generazione e la condanneranno, perché essi alla predicazione di Giona si convertirono. Ed ecco, qui vi è uno più grande di Giona! Nel giorno del Giudizio, la regina del Sud si alzerà contro questa generazione e la condannerà, perché ella venne dagli estremi confini della terra per ascoltare la sapienza di Salomone. Ed ecco, qui vi è uno più grande di Salomone!». Parola del Signore.

RIFLESSIONI
Una generazione malvagia e adultera pretende un segno!
Gesù non è venuto sulla terra per mostrare la sua divina onnipotenza, per sconvolgere menti e cuori, per piegarli alla fede e alla verità così come aveva fatto Dio con il faraone. Non è questa la sua via. Lo attesta anche la Lettera agli Ebrei: "Voi infatti non vi siete avvicinati a qualcosa di tangibile né a un fuoco ardente né a oscurità, tenebra e tempesta, né a squillo di tromba e a suono di parole, mentre quelli che lo udivano scongiuravano Dio di non rivolgere più a loro la parola. Non potevano infatti sopportare quest'ordine: Se anche una bestia toccherà il monte, sarà lapidata. Lo spettacolo, in realtà, era così terrificante che Mosè disse: Ho paura e tremo. Voi invece vi siete accostati al monte Sion, alla città del Dio vivente, alla Gerusalemme celeste e a migliaia di angeli, all'adunanza festosa e all'assemblea dei primogeniti i cui nomi sono scritti nei cieli, al Dio giudice di tutti e agli spiriti dei giusti resi perfetti, a Gesù, mediatore dell'alleanza nuova, e al sangue purificatore, che è più eloquente di quello di Abele" (Eb 12,18-24). Gesù è venuto a rivelare al mondo quanto è grande la potenza della carità di Dio, del suo amore, della sua misericordia.
I farisei vorrebbero portare Gesù nella forma e nella sostanza dell'Antico Testamento. Gesù non si lascia da loro tentare. Chiama questa generazione malvagia e adultera. Essa è malvagia perché assai lontana dai pensieri di Dio. Essi solamente sono buoni, pii, giusti, santi. Ora il pensiero di Dio è uno solo: amare fino alla morte di croce. È la croce il più grande segno della divina onnipotenza. Gesù dal legno rivela quanto grande, onnipotente, santo, invincibile è l'amore di Dio per l'uomo. È adultera, questa generazione, perché ha tradito il patto di alleanza con il suo Creatore e si è concessa all'idolatria, all'empietà, al peccato. Ha abbandonato la Legge del suo Signore e al suo posto si è costruito l'idolo dei pensieri umani. Questo è vero tradimento, vero adulterio spirituale, che conduce ad ogni altro adulterio morale.
La dolcezza dell'amore, la profondità della verità, della giustizia, della sapienza bastano a tutti coloro che si vogliono convertire. Ninive non si converti per i grandi segni. Aderì al Signore per la più semplice parola che un uomo abbia mai potuto udire: "Ancora quaranta giorni e Ninive sarà distrutta". Gesù invece non ha solo rivelato la purezza della Parola di Dio, ha anche manifestato loro le profondità dell'amore del Padre. Quello di Cristo Gesù era un amore che guariva, sanava, purificava, perdonava, accoglieva, esaltava l'uomo, donandogli ogni dignità. Anche ai peccatori Lui dava la grande speranza del perdono e della misericordia. L'amore, la carità, la pietà vera e santa, sono il più grande segno della presenza di Dio sulla nostra terra. Là dove vi è un uomo che ama, lì vi è sempre Dio che opera. Ecco il segno vero della credibilità di Gesù Signore. Altri segni sono fuorvianti. Sono per i cuori induriti che continueranno a rimanere induriti e ostili. Questi cuori cercano il segno, ma solo per tentare il Signore e per attestare la sua incapacità a poterli donare. Questa è pura malvagità e cattiveria.
Vergine Maria, Madre della Redenzione, Angeli e Santi, dateci la purezza dell'amore.

TESTO:-
Dal Vangelo secondo Matteo. (Mt 12,46-50)
In quel tempo, mentre Gesù parlava ancora alla folla, ecco, sua madre e i suoi fratelli stavano fuori e cercavano di parlargli.
Qualcuno gli disse: «Ecco, tua madre e i tuoi fratelli stanno fuori e cercano di parlarti».
Ed egli, rispondendo a chi gli parlava, disse: «Chi è mia madre e chi sono i miei fratelli?».
Poi, tendendo la mano verso i suoi discepoli, disse: «Ecco mia madre e i miei fratelli! Perché chiunque fa la volontà del Padre mio che è nei cieli, egli è per me fratello, sorella e madre». Parola del Signore.

RIFLESSIONI
Con queste parole Gesù confermava che sua Madre era la discepola perfetta, solo Lei ha osservato fedelmente la Volontà di Dio, fino a "costringere" amorevolmente il Figlio a compiere il primo miracolo alle nozze di Cana. Il versetto 11 del 2° capitolo di San Giovanni afferma: «La Madre dice ai servi: "Fate quello che vi dirà"».
Conosciamo come avvenne il primo miracolo di Gesù, la richiesta di sua Madre a cui Lui non poteva rifiutare nulla, perché Ella era tutta di Dio.
Nel Vangelo oggi leggiamo una risposta che non ci sorprende, data da Gesù all'uomo che Lo avvisava della presenza della Madre e dei cugini, arrivati lì per la forte preoccupazione che aveva assalito i parenti di Gesù ma non sua Madre. La Santa Vergine era perfettamente a conoscenza della difficile missione di suo Figlio, della sua meravigliosa ma severa predicazione e che i nemici aumentavano di continuo.
La Madonna non si presentò per capire qualcosa in più, Ella conosceva in modo quasi infinito il Cuore di Gesù, il suo Amore, i suoi sentimenti e l'intensa determinazione di compiere la Volontà del Padre e non potevano mancare ostacoli e pericoli continui.
L'episodio del Vangelo di oggi si colloca al centro del messaggio di Gesù: la sua nuova famiglia è l'umanità. Chi compie la Volontà del Padre entra nella Famiglia Divina. «Perché chiunque fa la Volontà del Padre mio che è nei Cieli, egli è per Me fratello, sorella e madre».
Questo ci indica che la nostra unione con Cristo è più forte di qualsiasi legame umano. I vincoli tra chi segue il Signore per la stessa strada, sono più stretti di quelli del sangue. I veri fratelli e sorelle sono quelli spirituali, che si amano perché seguono gli insegnamenti del Signore e non privilegiano i rapporti di parentela.
La Madonna sapeva, in modo sempre più perfetto, che era stata chiamata fin dall'eternità a essere la Madre di questa nuova famiglia che si formava intorno a Gesù, mediante l'eccelsa Fede ha corrisposto alla chiamata che Dio Le aveva rivolto perché diventasse Madre di suo Figlio e nella stessa Fede Ella ha scoperto ed accolto l'altra dimensione della Maternità, rivelata da Gesù durante la sua missione messianica.

TESTO:-
Dal Vangelo secondo Matteo. (Mt 13,1-9)
Quel giorno Gesù uscì di casa e sedette in riva al mare. Si radunò attorno a lui tanta folla che egli salì su una barca e si mise a sedere, mentre tutta la folla stava sulla spiaggia.
Egli parlò loro di molte cose con parabole. E disse: «Ecco, il seminatore uscì a seminare. Mentre seminava, una parte cadde lungo la strada; vennero gli uccelli e la mangiarono. Un'altra parte cadde sul terreno sassoso, dove non c'era molta terra; germogliò subito, perché il terreno non era profondo, ma quando spuntò il sole, fu bruciata e, non avendo radici, seccò. Un'altra parte cadde sui rovi, e i rovi crebbero e la soffocarono. Un'altra parte cadde sul terreno buono e diede frutto: il cento, il sessanta, il trenta per uno. Chi ha orecchi, ascolti». Parola del Signore.

RIFLESSIONI
Gesù semina di continuo nel terreno che è il mondo, questa semina è la sua Parola. È un nutrimento indispensabile per chi vuole incontrare veramente Dio, perché solo da Lui ci arriva la pace interiore e la vera felicità.
Un nutrimento che l'anima desidera più di ogni cosa, e solo la Parola di Dio infonde certezza spirituale nella vita e un appagamento che risulta impossibile riceverlo dalle cose materiali. L'anima anela a Dio naturalmente, Lui è il suo Creatore e questa tensione dell'anima permane anche se la persona non crede.
La Parola di Gesù vuole radicarsi in ognuno di noi, e in questa parabola parla del seme per fare comprendere meglio in che modo è possibile lasciarla crescere. Gesù parla di un seminatore che "uscì a seminare. Mentre seminava...".
Qui non viene indicato solo il terreno fertile, come farebbe un contadino accorto, ma Dio non fa calcoli come gli uomini e ama indistintamente tutti, semina la sua Parola in tutti i cuori, se poi non viene accolta e fatta fruttificare, non è Lui il responsabile.
Gesù nella parabola ci parla di diversi tipi di terreno e anche dei rovi che soffocano il seme. Ognuno di noi può capire se sta accogliendo la Parola di Dio con amore e la vive oppure la rifiuta. È importante per chi vuole compiere un buon cammino spirituale, fermarsi ogni giorno e riflettere sulle opere che compie, sulla vita che conduce.
"Una parte cadde lungo la strada; vennero gli uccelli e la mangiarono.
Un'altra parte cadde sul terreno sassoso, dove non c'era molta terra; germogliò subito, perché il terreno non era profondo, ma quando spuntò il sole, fu bruciata e, non avendo radici, seccò.
Un'altra parte cadde sui rovi, e i rovi crebbero e la soffocarono.
Un'altra parte cadde sul terreno buono e diede frutto: il cento, il sessanta, il trenta per uno".
Nel primo caso l'umanità si chiude in sé, prende una via larga e in questa strada infelice perde ogni comunione con Dio.
Nel secondo è superficiale, di tante cose si preoccupa tranne dell'anima e vive come in agonia.
Nel terzo è presente l'indecisione anche dinanzi ai continui richiami spirituali e si diventa spinosi, intrattabili.
Nel quarto si accoglie la Parola e i credenti conoscono la vera vita, si sentono saldamente appagati e pieni di fiducia in Dio.
Gesù vuole piantare la sua Parola nella nostra vita, noi dobbiamo lasciarla crescere con docilità e accortezza.

TESTO:-
Dal Vangelo secondo Giovanni. (Gv 20,1-2.11-18)
Il primo giorno della settimana, Maria di Màgdala si recò al sepolcro di mattino, quando era ancora buio, e vide che la pietra era stata tolta dal sepolcro. Corse allora e andò da Simon Pietro e dall'altro discepolo, quello che Gesù amava, e disse loro: «Hanno portato via il Signore dal sepolcro e non sappiamo dove l'hanno posto!».
Maria stava all'esterno, vicino al sepolcro, e piangeva. Mentre piangeva, si chinò verso il sepolcro e vide due angeli in bianche vesti, seduti l'uno dalla parte del capo e l'altro dei piedi, dove era stato posto il corpo di Gesù. Ed essi le dissero: «Donna, perché piangi?». Rispose loro: «Hanno portato via il mio Signore e non so dove l'hanno posto».
Detto questo, si voltò indietro e vide Gesù, in piedi; ma non sapeva che fosse Gesù. Le disse Gesù: «Donna, perché piangi? Chi cerchi?». Ella, pensando che fosse il custode del giardino, gli disse: «Signore, se l'hai portato via tu, dimmi dove l'hai posto e io andrò a prenderlo». Gesù le disse: «Maria!». Ella si voltò e gli disse in ebraico: «Rabbunì!» - che significa: «Maestro!». Gesù le disse: «Non mi trattenere, perché non sono ancora salito al Padre; ma va' dai miei fratelli e di' loro: "Salgo al Padre mio e Padre vostro, Dio mio e Dio vostro"».
Maria di Màgdala andò ad annunciare ai discepoli: «Ho visto il Signore!» e ciò che le aveva detto. Parola del Signore.

RIFLESSIONI
Accanto alla Vergine Madre, Maria Maddalena fu tra le donne che collaborarono all'apostolato di Gesù (Lc 8, 2-3) e lo seguirono fino alla croce (Gv 19, 25) e al sepolcro (Mt 27, 61). Secondo la testimonianza dei vangeli, ebbe il privilegio della prima apparizione di Gesù risorto e dallo stesso Signore ricevette l'incarico dell'annunzio pasquale ai fratelli (Mt 28, 9-10); Gv 20, 11-18).
Il cardinale Carlo Maria Martini al riguardo commentava: «Avremmo potuto immaginare altri modi di presentarsi. Gesù sceglie il modo più personale e il più immediato: l'appellazione per nome. Di per sé non dice niente perché "Maria" può pronunciarlo chiunque e non spiega la risurrezione e nemmeno il fatto che è il Signore a chiamarla. Tutti però comprendiamo che quell'appellazione, in quel momento, in quella situazione, con quella voce, con quel tono, è il modo più personale di rivelazione e che non riguarda solo Gesù, ma Gesù nel suo rapporto con lei. Egli si rivela come il suo Signore, colui che lei cerca».
La sua memoria è ricordata il 22 luglio nel martirologio di Beda e dai Siri, dai Bizantini e dai Copti.

TESTO:-
Dal Vangelo secondo Giovanni. (Gv 15,1-8)
In quel tempo, disse Gesù ai suoi discepoli: «Io sono la vite vera e il Padre mio è l'agricoltore. Ogni tralcio che in me non porta frutto, lo taglia, e ogni tralcio che porta frutto, lo pota perché porti più frutto. Voi siete già puri, a causa della parola che vi ho annunciato.
Rimanete in me e io in voi. Come il tralcio non può portare frutto da se stesso se non rimane nella vite, così neanche voi se non rimanete in me. Io sono la vite, voi i tralci. Chi rimane in me, e io in lui, porta molto frutto, perché senza di me non potete far nulla. Chi non rimane in me viene gettato via come il tralcio e secca; poi lo raccolgono, lo gettano nel fuoco e lo bruciano.
Se rimanete in me e le mie parole rimangono in voi, chiedete quello che volete e vi sarà fatto. In questo è glorificato il Padre mio: che portiate molto frutto e diventiate miei discepoli». Parola del Signore.

RIFLESSIONI
La condizione per portare frutto spirituale è la comunione autentica con Gesù. La comunione indica l'unità, una armonia creata dallo Spirito di Dio e volta a trasmettere la Grazia di Dio ai credenti. La presenza della Grazia è l'attività dello Spirito Santo nell'anima e opera in essa per distaccarla dalle cose umane e insignificanti per trasfigurarla.
Quando si cerca con sincerità la comunione perenne con Gesù e si lavora per vincere le debolezze umane, l'anima diventa sempre più bella agli occhi di Dio.
Dio Padre interviene in coloro che mostrano anche un piccolo desiderio di salvarsi l'anima e li aiuta a liberarsi dai pesi opprimenti.
In questo senso il Padre pota, taglia ciò che non è buono anche permettendo piccole prove superabili con un po' di buona volontà, animata da una Fede autentica. Il Padre non permette mai prove superiori alla capacità di resistenza dei suoi figli, invece sono questi figli ad appesantire il peso della prova compiendo scelte sbagliate, vivendo in modo disordinato.
I cristiani sono chiamati costantemente alla preghiera, ai Sacramenti, all'osservanza dei Comandamenti per poter superare le prove con facilità.
"Ogni tralcio che in me non porta frutto, il Padre lo taglia, e ogni tralcio che porta frutto, lo pota perché porti più frutto".
È una grande opera di amore da parte del Padre, altrimenti moltissimi cristiani non avanzerebbero mai nel cammino spirituale e rimarrebbero bloccati nelle posizioni illusorie e inconcludenti in cui si trovano.
Il Padre non mette alla dura prova i cristiani buoni. "Voi siete già puri, a causa della parola che vi ho annunciato".
Il Padre ci ama davvero, altrimenti non avrebbe deciso la morte del Figlio in Croce per redimere tutti noi, non avrebbe inviato il Figlio nel mondo per insegnare la vera dottrina spirituale e non invierebbe la Madre Immacolata di suo Figlio nel mondo per avvisare l'umanità dei pericoli incombenti e invitarla a cambiare vita.
Gesù ci ama così come siamo ed è con noi sempre!
"Se rimanete in me e le mie parole rimangono in voi, chiedete quello che volete e vi sarà fatto".

TESTO:-
Dal Vangelo secondo Matteo. (Mt 13,24-30)
In quel tempo, Gesù espose alla folla un'altra parabola, dicendo: «Il regno dei cieli è simile a un uomo che ha seminato del buon seme nel suo campo. Ma, mentre tutti dormivano, venne il suo nemico, seminò della zizzania in mezzo al grano e se ne andò. Quando poi lo stelo crebbe e fece frutto, spuntò anche la zizzania. Allora i servi andarono dal padrone di casa e gli dissero: "Signore, non hai seminato del buon seme nel tuo campo? Da dove viene la zizzania?". Ed egli rispose loro: "Un nemico ha fatto questo!". E i servi gli dissero: "Vuoi che andiamo a raccoglierla?". "No, rispose, perché non succeda che, raccogliendo la zizzania, con essa sradichiate anche il grano. Lasciate che l'una e l'altro crescano insieme fino alla mietitura e al momento della mietitura dirò ai mietitori: Raccogliete prima la zizzania e legatela in fasci per bruciarla; il grano invece riponetelo nel mio granaio"».

RIFLESSIONI
Anche oggi una parabola del seme. Anzitutto del "buon seme" seminato da Gesù nel campo della Chiesa e del mondo.
Un rilievo importante che fa giustizia di ogni visione pessimistica della realtà umana. Il bene è sempre presente e opera dappertutto, anche se non sempre e non dovunque fa notizia. Al contrario del male che ha sempre l'onore delle prime pagine dei giornali.
E al male fa anche riferimento la parabola: alla "zizzania" seminata dal "nemico", ossia a tutto ciò che è in contrasto col regno, l'unico progetto di vita degno dell'uomo.
Sconcerta il fatto che la zizzania venga seminata dal nemico, "mentre tutti dormono": per mancanza cioè di vigilanza da parte dei servi e dei collaboratori del padrone. Interpella perciò la responsabilità delle nostre omissioni: non è male soltanto il farlo ma anche non impedirlo per quanto e come lo dobbiamo e lo possiamo.
Conforta, tuttavia, la tolleranza e la misericordia del Signore, il quale, nell'attesa del giudizio e della condanna definitiva, lascia che il bene e il male crescano insieme: non solo nel mondo ma anche nella Chiesa e in ciascuno di noi.
Siamo perciò capaci di attese fiduciose e pazienti: come lo è il cuore di Dio.